Jump to content


Photo

MONTALE


  • This topic is locked This topic is locked
50 replies to this topic

#21 CRISTIAN

CRISTIAN

    Administrator

  • amministratore
  • PipPipPipPip
  • 26,967 posts
  • Gender:Male

Posted 10 June 2015 - 07:01 AM

Red Aoud

Anno: 2008

 

Recensione/Impressioni di Don José

Dico subito che è un profumo che per me è importabile perché si scontra frontalmente con il mio gusto. Tuttavia non posso fare a meno di tracciarne un breve ritratto lusinghiero.
A mio avviso questa fragranza apre le danze con un potente sentore di biscotto inzuppato, un poco stantio: allo stadio appena precedente il formarsi della muffa. Non è motivo di disprezzo questa descrizione delle note di testa: piuttosto sbigottimento... Ma come diavolo c'è riuscito? Mah! Successivamente l'odore lievemente cartaceo del biscotto raffermo e bagnato si dirada per lasciare spazio ad un bouquet speziato e piccante, ma un piccante dolce . Quasi più il sentore dell'harissa che del peperoncino, a dire il vero. Non solo: ma passando dalla testa al mezzo RA non diventa soltanto pepato; azzardo nel dire che addirittura si rinfreschi un po'.
Conclude, indelebile, con un'aroma più arrotondato che nelle precedenti fasi. So di dire una scemata, ma è come se le note di fondo fossero condite con un po' di ambra.
A cominciare dalle note di testa è un profumo incompatibile con la mia persona, ma è ben fatto, ben strutturato... un bel profumo insomma.

 

Recensione/Impressioni di Calipso

 

E' un profumo gourmand, ha poco oud quindi chi non li ama può tranquillamente sentire questo profumo .
Avete presente il profumo di biscottini appena sfornati al cioccolato? Ecco , questa fragranza profuma di ciò…
È il classico profumo coccola per le giornate no, da metterlo quando vogliamo una gratificazione .
Non è stucchevole, ha una grande apertura come l’odore di un forno in cui hanno appena fatto biscottini, torte , cornetti al cacao ma leggero cacao, lo percepisci lievemente …Dopo un pochino diventa più dolce e l'odore di panificio si trasforma in una crema pasticceria quasi come un cipriato.
L'aoud non è assolutamente dominante, semmai sembra che il biscottino sia un pochino bruciacchiato! Non solo l'aoud insieme al peperoncino lo rendono leggermente <<piccantino\croccante>>,completamente differente da Amour De Cacao Comptoir Sud Pacifique, che per carità anch'esso è un profumo validissimo , ma non è molto persistente su di me e poi è troppo torta vaniglia cioccolato , non amo i profumi troppo candy ..Red Aoud ha più carattere nonostante sia un gourmand.
Trovo Red Aoud essere molto piacevole, profumo ben amalgamato e ottima persistenza (come parecchi Montale) .
Ha come piramide :il peperoncino ,l’aoud è adagiato su una nuvola di spezie, la rosa non credo Taif ( ma si percepisce poco) , la vaniglia e i fiori d'Arancio , lo zafferano .Il cumino è trattato con una delicata base legnosa di vetiver di Haiti e di Sandalo di Mysore.( Si sente pochissimo).
(Lo consiglio vivamente a Banderas quando fa la pubblicità del Mulino Bianco ;-p )

 

Recensione/Impressioni di Laura C.

 

Un’altra fragranza con focus sul terzetto oud-rosa-zafferano, qui abbiamo anche sandalo, cumino e vetiver.
La rosa è sempre quella ammoniacale montaliana, lo zafferano è ben presente, sembra proprio che la differenza con l’Aoud Safran stia nella parte speziata aggiuntiva e nella presenza del sandalo, le spezie sono ben bilanciate, Fragrantica mette anche orris, sarà suggestione perché mi pare di sentirlo, mentre il vetiver è la nota che si percepisce meno, resta nelle retrovie, una nuance ariosa, metallica, appiggiata sulla rosa stessa. Non c’è una prevalenza di cumino.
Sicuramente una variazione sul tema: Black Aoud/Aoud Safran sono tutti separati da piccole differenze.
Personalmente questa pungenza costante tende a stancarmi alla lunga, ma se amate i precedenti, anche questo potrebbe interessarvi. Possiede comunque un sentore ambrato maggiore, o comunque negli altri non lo ricordo così marcato, e non c’è ambra fra le note. L’oud montaliano è abbastanza presente, spesso si fatica a capire dove finisce l’oud e comincia la rosa, sa proprio intrinsecamente un po’ di rosa.
Fatico molto a capire chi lo associa ad un gourmand che sa di biscotti, stranissimo, non è dolce, zafferano e cumino non sono nemmeno spezie da biscotto ... forse è la tonka, in effetti si sente molto netta verso il dd e fornisce una impressione simil cacao, aggiungendo il leggerissimo smokey dell’oud = biscotti, ma al mio naso non sarebbe venuta spontanea questa associazione o magari in passato ha avuto una formulazione diversa perché non c’è nè vaniglia nè altri elementi addolcenti come i fiori d’arancio, mente il sandalo si sente nettissimo. Ho letto molti pareri strani su questa fragranza che mi sembrano proprio curiosi, a meno di una riformulazione, addirittura burro e popcorn! No, in nessun modo e non è affatto dolce. Davvero curioso.



#22 CRISTIAN

CRISTIAN

    Administrator

  • amministratore
  • PipPipPipPip
  • 26,967 posts
  • Gender:Male

Posted 10 June 2015 - 07:08 AM

Orange Flowers

 

Impressioni/Recensione di Calipso

 

Dei tre nuovi Montale quello che mi ha colpito di più è Orange Flowers un bouquet di fiori d’arancio, che appare inizialmente fresco, allegro , per poi adagiarsi su una nuvola soffice morbida ed orientale.
Composizione:
Note di testa: Spezie , Limone , Mandarino siciliano.
Note di Cuore: Fiori d'arancio , Miele , Ylang ylang , Jasmine , Patchouli
Note di fondo: Vanilla Bean , Legno di Cedro , Muschio di Quercia , Muschio bianco
A tratti assomiglia vagamente ad un profumo di Serge Lutens ,Fleurs D'Oranger ma è diverso , il drydown è completamente diverso , è speziato caldo quasi pepato mentre le note di testa sono molto leggere , solari come solo i fiori d’arancio sanno dare. Sempre nel drydown si avverte un patchouli molto discreto temperato dal muschio che mi ha lasciata piacevolmente sorpresa .
Il ylang-ylang e soprattutto il gelsomino unito al miele si sentono molto inizialmente e questo lo accomuna al Lutens anche se ripeto hanno un’anima completamente diversa , Fleurs D'Oranger di S.L. è molto più etereo questo Montale invece ha le note di fondo più calde , più orientali …
I fiori d'arancio sono stati utilizzati nelle tradizioni nuziali sin dai tempi dell'antica Cina dove credo abbiano origine. Nella tradizione cinese, fiori d'arancio erano presagi di purezza, innocenza e virtù morale, ma anche un simbolo di fecondità e di fertilità. Le spose di tutte le nazioni hanno sempre indossato il giorno delle nozze dei fiori d’arancio intrecciati tra i capelli, e la tradizione di utilizzare questi fiori si è diffusa dall’Oriente verso l'Europa, durante i tempi dei crociati. Questa usanza era così diffusa che l'espressione "per raccogliere i fiori d'arancio" è stata stravolta da una diversa accezione che ha iniziato a significare "cercare una moglie".
Tornando ad Orange Flowers di Montale che dire , mi piace molto, sia l’apertura assolutamente fiorita che l’evoluzione più pepata e ribadisco pepata che più lo sento più avverto il pepe nelle note di fondo.
Molte volte e aggiungo purtroppo un profumo a base di fiori d’arancio ricorda la pastiera napoletana, e risulta stucchevole , ecco questa fragranza la trovo non ampollosa ,rimane non banale, quindi per me è un bel SI!
Detto ciò mi vien troppo da canticchiare Fiori d’arancio di Carmen Consoli …ricordo il giorno del mio matrimonio, l'abito bianco di seta ed organza, fiori d'arancio intorno all'altare…
Giusy



#23 EzioLove

EzioLove

    ADJNP addicted

  • Collaboratore AdJ
  • PipPipPipPip
  • 1,777 posts
  • Gender:Male

Posted 07 September 2016 - 02:39 PM

Pure Gold

 

Recensione/Impressioni di CLAUDIA

 

Pure Gold di Montale, è una fragranza che mi appare come pioggia dorata! Intensa, sparkling con note connotate da fiori bianchi, gelsomino egiziano, fiori d'arancio e neroli. Tutto poggia su una base di muschio bianco, vaniglia e patchouli. Checché se ne dica dei Montale sono un vero incanto e Pure Gold si apre intenso e gioioso ma con il passare delle ore rivela un lato inedito chic e sensuale



#24 EzioLove

EzioLove

    ADJNP addicted

  • Collaboratore AdJ
  • PipPipPipPip
  • 1,777 posts
  • Gender:Male

Posted 29 June 2017 - 02:28 PM

VANILLE EXTASY

 

Recensione/impressioni di black silk

 

Un regalo da parte di una persona molto speciale....direttamente da Place Vendome Paris....
A zonzo per la Ville Lumiere ci siamo trovati davanti questa mini boutique deliziosa, il che ha fatto scaturire la frase magica "ti regalo un profumo!"
Ho annusato diverse fragranze prima di ricevere una botta da questa vaniglia, spruzzata quasi per gioco...
Per me questa creazione è identica a Flowerbomb, che ho usato per tempo e che è un po' la mia "firma" profumata...
La vaniglia si sposa in maniera sensuale al gelsomino e all'ylang ylang, che adoro, una sinfonia esotica e molto seducente, gioca nell'ambiguità tra la spensieratezza sbarazzina e l'allure femminile di una donna (non ancora matura, ma nemmeno una giovincella). Su di me VE è ancora più caldo e fiorito di flowerbomb, la rosa arriva nel bel mezzo dei festeggiamenti, rosa carico, femminile e nel pieno della fioritura...Il nome è fuorviante, la vaniglia è solo il sottofondo al tripudio di fiori rosa che più rosa non si può...verso la fine il tutto si stempera in una dolcezza caramellata e un po' alcolico...delizioso e inaspettato come un regalo fatto all'improvviso, come un bacio dolce e delicato ma carico di promesse...
Una pausa dal giardino di note insolite delle quali mi sto circondando ultimamente...un momento delizioso che mi ricorda momenti felici!          



#25 EzioLove

EzioLove

    ADJNP addicted

  • Collaboratore AdJ
  • PipPipPipPip
  • 1,777 posts
  • Gender:Male

Posted 24 March 2018 - 04:17 PM

Aoud Ambre

Anno: 2006

 

Recensione/Impressioni di Laura C.

Cercando di fissare in mente le differenze fra i vari Montale, missione non semplice, che mi sono data, considerando il numero di fragranze e le forti similitudini fra alcune di loro. Aoud Ambre è del 2006, credo abbia attualmente il flacone blu scuro con scritte dorate, si tende a confondere il nome con Aoud Amber Rose.

Ovviamente le note sono Oud + Ambra + Rosa + Labdano, a dire il vero il sito ufficiale non cita espressamente la rosa, solo il labdano, ma dice che contiene altri 50 componenti, ma del resto La Rosa si sente molto bene anche più del labdano che confluisce nelle note ambrate varie per cui è impossibile una netta distinzione fra ambra e labdanum, secondo me. La Rosa è quella montaliana classica, leggermente pungente ma non intensa come nel black, l’oud c’è ma discreto, non invasivo, c’è anche qualcosa che non definirei agrumato pur avendone la stessa funzione: schiarente, illuminante, è una fragranza incentrata sulle note ambrate, molto calda ma non buia e cupa, grazie a questo effetto, la solleva senza arrivare al punto di darle una connotazione fresca, riesce a renderla più leggera e luminosa, resta comunque una fragranza prettamente invernale secondo me. Non è un’ambra polverosa e nemmeno secca, anzi ha un finale leggermente addolcito, morbido. È intensa, come tanti Montale, con un sillage importante, è una nota che spesso tralascio ma in questo caso è da segnalare. Estremamente elegante, e secondo me anche sexy, non è una bombazza fine a se stessa. Come nota di colore aggiungo che finora è il Montale che ha ricevuto più complimenti, molti più del Black



#26 EzioLove

EzioLove

    ADJNP addicted

  • Collaboratore AdJ
  • PipPipPipPip
  • 1,777 posts
  • Gender:Male

Posted 24 March 2018 - 04:22 PM

Day Dreams

Anno: 2017

 

Recensione/Impressioni di Laura C.

Uscito nel 2017. Un Montale estivo, primaverile, floreale, non una bombazza, ma con buona persistenza. C’è una parte citrica che rende fresca la fragranza ma non si distingue esattamente come arancio o mandarino.
Fiori d’Arancio, neroli, tiarè e gelsomino: un bouquet bianco con leggera prevalenza dei primi due, ma comunque equilibrato.
Nella base abbiamo un sandalo molto soft, cremoso, vanigliato, senza però spostare la fragranza su toni dolci. C’è anche cocco che perviene più come legno di cocco a dire il vero. Non è estiva-tropicale, aspettativa che potrebbe venire leggendo le note, è davvero poco dolce rispetto alle attese è un po’ priva di una spiccata personalità, i fiori sono molto clean, nessuna nota sporca di alcun tipo.
Su polso maschile risulta più agrumato rispetto al mio, dove i fiori sono meno bilanciati dalla parte fresh.
Sicuramente unisex, non lascia indelebile memoria di sè.



#27 EzioLove

EzioLove

    ADJNP addicted

  • Collaboratore AdJ
  • PipPipPipPip
  • 1,777 posts
  • Gender:Male

Posted 17 April 2018 - 09:35 AM

FANTASTIC OUD

 

Recensione/Impressioni di Claudia

il cuoio, l’incenso, il sandalo, l’ambra, il patchouli, tabacco e styrax mettono in risalto l’oud  in tutte le sue nuances, in un gioco di  sfumature, contrasti e chiaroscuri, mentre la rosa è quasi impercettibile, forse riesce ad accarezzare lievemente queste note allo scopo di ammorbidire un bouquet che altrimenti risulterebbe eccessivamente potente!!!! Una fragranza calda e voluttuosa per chi vuole osare.

 



#28 EzioLove

EzioLove

    ADJNP addicted

  • Collaboratore AdJ
  • PipPipPipPip
  • 1,777 posts
  • Gender:Male

Posted 17 April 2018 - 09:36 AM

 AQUA GOLD

 

Recensione/Impressioni di Claudia

E' forse quello che si discosta più dalle altre creazioni olfattive Montale, perché segue il trend del momento, ovvero, agrumi, agrumi e agrumi che sono stati i protagonisti incondizionati di questa decima edizione di  Esxence. Una fragranza esperidata: l’apertura è molto frizzante,  cristallina e vibrante in un tourbillon di lavanda e agrumi tipici della macchia mediterranea che rispecchiano in pieno il mood del momento.  Gelsomini e Fiori d’Arancio, cuore della fragranza fanno sentire il loro afflato dopo parecchio tempo,  su una base di cedro,  cuoio e muschio bianco. Non sarà difficile credere che questo profumo sarà protagonista incondizionato delle notti estive italiane.
 



#29 EzioLove

EzioLove

    ADJNP addicted

  • Collaboratore AdJ
  • PipPipPipPip
  • 1,777 posts
  • Gender:Male

Posted 17 April 2018 - 09:37 AM

VANILLA CAKE

 

Recensione/Impressioni di Claudia

Profondamente diverso dai precedenti,per tutta la sua dolcezza, ove la Vaniglia del Madagascar, si sposa con il caramello, la meringa e la mandorla, insieme a note di latte. Solo per chi ama la vaniglia pasticcera!
 



#30 EzioLove

EzioLove

    ADJNP addicted

  • Collaboratore AdJ
  • PipPipPipPip
  • 1,777 posts
  • Gender:Male

Posted 23 April 2018 - 12:59 PM

Intense Pepper

Anno: 2014

 

Recensione/Impressioni di Laura C. (2018)

 

Uscito nel 2014. Se si chiamasse Pepper Aoud, credo proprio che nessuno avrebbe da obiettare, l’impianto Montaliano c’è dunque tutto, apre molto fresh, perché non è un citrus bergamottoso classico ma proprio Sicilian Lemon, a detta delle note, ovviamente il pepe si sente benissimo, c’è anche del pepe rosa ad amplificare l’effetto aromatico, ci dovrebbero esser delle note floreali che non trovo nemmeno ad annusarmi i polsi tipo segugio, oud nella base, che viene fuori prepotente nel drydown e un po’ la classica base: cedro-ambra-muschio e muschio di quercia, che aumenta l’effetto fresco.

Forse è più maschile che femminile, è comunque tendenzialmente amaro nel drydown, praticamente solo oud e pepe che ne aumenta la sfumatura amara, mentre su pelle maschile lo sento più armonico, non così rasposo, infatti io lo utilizzo soprattutto per dei layering per dare aggressività a faragranze prevalentemente dolci.

Come molti Montale è proprio una bombazza, persistenza e sillage assicurati; evitare di primo mattino ma più che altro a stomaco vuoto, consiglio personale: spesso salto la colazione, e talvolta esagero con gli spruzzi, se sono distratta e non faccio focus che sto mettendo un Montale non un profumo classico... quindi dalle 7.00 sono arrivata a pranzo che stavo valutando seriamente il cannibalismo... il pepe stimola una fame atroce.



 



#31 EzioLove

EzioLove

    ADJNP addicted

  • Collaboratore AdJ
  • PipPipPipPip
  • 1,777 posts
  • Gender:Male

Posted 27 April 2018 - 02:40 PM

Mango Manga

 

recensione/impressioni di blebruja (2015)

 

Allegrissina, un mango sfacciato e quasi finto. Sembra di essere in una fabbrica che fa succhi al mango. C'è anche la nota sgradevole del mango. Poi si fa più vellutata infiorellandosi un po'



#32 EzioLove

EzioLove

    ADJNP addicted

  • Collaboratore AdJ
  • PipPipPipPip
  • 1,777 posts
  • Gender:Male

Posted 28 June 2018 - 08:20 AM

Aoud Safran

Anno: 2009

 

Recensione/impressioni di prisca

 

Oudh, rosa e zafferano: l'idea era buona, anzi, ottima, se monsieur Montale si fosse limitato a questo, se si fosse attenuto a quella linearità che si ritrova altrove (talvolta) nei suoi lavori. E invece no, lo zafferano, uno zafferano asciutto e medicinale, spicca tra le prime note, e fin qui tutto bene. Ma subito dopo ecco affacciarsi il cuore del profumo: non so che oudh e che rosa siano, oltretutto si sentono anche altri fiori pollinosi, fattostà che ne risulta un qualcosa di ridondante e troppo ricco, pericolosamente simile ad un opulento e diffuso profumo maschile di moda qualche lustro fa, in linea con i gusti ridondanti degli anni '70: Aramis. Magari qualcuno se lo ricorda. Insomma, l'essenzialità dello zafferano iniziale va a farsi benedire e si perde in tutto il troppo di questo profumo.

 

Recensione/impressioni di Laura C.

 

Sinceramente fa parte degli errori annusa e compra in profumeria, del periodo pre-sample. I Montale sono profumi diretti, mi ero detta, posso anche non prendere il sample, che scempiaggine. Ora è il mio profumo da trolley, soggiorna direttamente lì, come dicevo tempo fa: io non sgombro, quando sbaglio mi impongo di finirlo e qui non vedo l’ora. Beninteso, non è malvagio ma è una colla: ha una delle maggiori intensità e persistenza tra i Montale che finora ho provato (più del Black Aoud Intense) e ti esaurisce a fine giornata, stanca molto, indossarlo due giorni di fila mi è difficile, tre mi salvo con dei layering, debbo necessariamente spezzarlo. Amo lo zafferano come nota olfattiva, qui è ben presente assieme al combo rosa+Aoud molto simile a quello del Black Aoud Intense, forse c’è un po’ meno Aoud, ma tanta tanta rosa montaliana con quel suo tratto medicinale-ammoniacale, ed è questa il principale problema, essa tende ad essere invasiva ed essendo molto intensa e penetrante a sfinire a lungo andare.
Di norma la mia pelle non trattiene mai un profumo da un giorno all’altro, questo sì, se lo metto anche sui capelli dura esageratamente. Nonostante l’enorme scia non ho mai ricevuto complimenti, è curioso, anzi una volta è stato scambiato per un penetrante deodorante ambienti... ho fatto finta di nulla. Non è molto oudoso come dicevo, è un profumo alla rosa con zafferano, buono alla prima spruzzata ...



#33 Laura C.

Laura C.

    AdJ N.P. Addicted

  • Collaboratore AdJ
  • PipPip
  • 746 posts
  • Gender:Female
  • Location:Bologna

Posted 17 January 2019 - 09:11 AM

Vanille Absolu

Anno: 2008

 

Recensione/impressioni di Cristian

 

A volte io sento proprio il bisogno di ricoprirmi di questa fragranza, mi capita con la cioccolata, non ne sono un gran mangiatore, ma quando mi prende la voglia devo trovare del buon cioccolato nel giro di poco.
Una vaniglia legnosa, oggi è stata la mia merenda delle 16, quella che facevo da bimbo.
La parte legnosa ha il profumo del pane, il gourmand, cioè la cannella e la vaniglia sono la farcitura per il pane.

 

Recensione/impressioni di Laura C.

 

Uno dei Montale più diffusi, fra i non floreali. È una vaniglia non eccessivamente dolce, polverosa, c’è della cannella che si sente, non in primo piano, ma soprattutto come polverosità legnosa, ci sarebbero anche i chiodi di garofano che aggiungono aromaticità al legno. È una fragranza non calda, anzi la sua particolarità è forse proprio quella di essere una vaniglia fredda e non da pasticceria. Personalmente la uso fondamentalmente solo in layering, per ammorbidire un poco qualche fragranza più maschile, ma è molto distante da una vaniglia gourmand dolce, è una vaniglia secca, unisex; la uso poco come profumo da notte proprio per la polverosità delle spezie, non sono mai riuscita a spruzzarla senza starnutire. Non la elencherei fra i profumi confortanti, sicuramente ha un’ottima persistenza e si sente bene. La ricomprerei? No, ma non è un acquisto di cui mi sia pentita e la uso spesso, ma ad onor del vero, non è nemmeno la meraviglia assoluta di cui avevo letto in qualche post passato quando arrivai qui, non è molto sfaccettata e non ha sentori molto naturali ma del resto, esattamente come tutti i Montale.



#34 Laura C.

Laura C.

    AdJ N.P. Addicted

  • Collaboratore AdJ
  • PipPip
  • 746 posts
  • Gender:Female
  • Location:Bologna

Posted 17 January 2019 - 09:12 AM

Amber & Spices

Anno: 2009.

 

Recensione/impressioni di Laura C.

 

Mi aspettavo una bombazza speziata, invece assolutamente no, né l’uno né l’altro, non sembra nemmeno un Montale come intensità. Che però sia un Montale lo trovi nel trio ambra/rosa/oud, d’altronde, come dire, i monomeri sono poi gli stessi che vengono ricombinati a seconda delle varie fragranze, come un piatto destrutturato cambia il posizionamento delle note e la combinazione delle stesse, ma gli accordi singoli a me paiono uguali. Questo ha molto in comune con Aoud Amber di cui ho già parlato tempo fa, e che era un po’ più intenso, in aggiunta abbiamo le spezie, perfettamente blendate, forniscono un profondo spessore alla fragranza ma sono praticamente impossibili da scindere fra loro, il cumino ad esempio è soft e non è che si senta la nota di cumino in specifico, resta uno “speziato” generico. Si sente molto bene il sandalo che con la sua polverosità fa risaltare ulteriormente la speziatura orientaleggiante (noce moscata, cumino). Luminoso, ambrato, la rosa è piuttosto sottotono rispetto all’aoud ambre che dicevo prima, comunque le immagini che mi suggerisce sono più maschili che femminili, ma credo sia più che altro un cliché legato alle spezie, non stonerebbe con un indosso femminile, sicuramente è più invernale che estivo. Direi che fra i Montale lo trovo piuttosto elegante, ed in genere li descrivo con vari aggettivi ma elegante, è raro.

 

Recensione/impressioni di Lady in Black

 

Amber & Spices, nato nel 2009 nella collezione cd. intermedia, cioè quelle fragranze che nella mente del signor Montale possono essere usate abbinate ad altri profumi della linea. Secondo me, A&S è perfetto da solo. Nonostante il nome, è essenzialmente il ben conosciuto duo oudh+rosa, qui abbianto ad altre due note legnose, il sandalo e l'ebano. Sulla mia pelle, la rosa è sottotono (forse sta qui la differenza con gli altri), le spezie (cumino e noce moscata) non sono poi tanto evidenti e si traducono in qualcosa che ricorda la cannella - ma non la spezia golosa da dolci, bensì l'odore secco e un po' polveroso che si sente annusando direttamente i tronchetti di corteccia arrotolata. I legni secondari accompagnano una nota di oudh molto secca anch'essa, rendendola al mio naso ancora più "nocciolata" del solito. Se esiste un accordo ambra, è impercettibile!



#35 Laura C.

Laura C.

    AdJ N.P. Addicted

  • Collaboratore AdJ
  • PipPip
  • 746 posts
  • Gender:Female
  • Location:Bologna

Posted 17 January 2019 - 09:14 AM

Boisè Vanillè

Anno: 2007

 

Recensione/impressioni di Laura C.

 

Altro Montale di cui si sa poco. Una nuvola di patch alla prima spruzzata, verde, quasi mentolato e intenso, a tale punto da farti chiedere se è un profumo al patch, perché per i primi minuti si sente solo quello. Ma no, evolve. È un Montale con una buona evoluzione, e questa è già una novità perché mediamente non ne hanno.
Ci sono note citriche di limone e bergamotto ma non particolarmente rilevanti.
C’è la lavanda che progressivamente comincia a far capolino da sotto il patch.
Iris non percepito nettamente, resta molto dietro e confluisce nella lavanda.
Geranio che si intrufola appena scende in po’ la lavanda ma non è sotto i riflettori. Di vaniglia, nonostante il nome, se ne percepisce poca, o comunque ammorbidente e non protagonista. Il pepe resta in lontananza ma pian piano avanza e aromatizza la nota legnosa, il patch non se ne va del tutto ma si acquieta. Il legno di cedro progressivamente si fa strada, con un po’ di tonka.
Lavanda-Iris e agrumi assumono un tono terso, da aria limpida boschiva, crisp, frizzante e pulita, praticamente aria montana mattutina, con un pallido sole, accanto una catasta di legna aromatica o meglio un cottage di legno, nel bosco.
Si sente bene ma non è la classica bombazza alla Montale, anzi alla cieca secondo me non lo riconoscerebbe nessuno, io non amo lavanda e patch eppure questo profumo è uno di quelli che riesce ad essere magicamente migliore della somma delle sue note: ha personalità, ti trasporta altrove, un luogo tranquillo di pace e freschezza, lontano dal caos. Il nome può trarre in inganno, non è incentrato sulla vaniglia e non è dolce. A dd avanzato assume un po’ di poudrè dato dall’iris. Ha forse una leggera sfumatura maschile ma ribadisco molto leggera e solo per via della lavanda e patch, ma lo trovo proprio un bel Montale. Provatelo e ditemi cosa ne pensate.



#36 Laura C.

Laura C.

    AdJ N.P. Addicted

  • Collaboratore AdJ
  • PipPip
  • 746 posts
  • Gender:Female
  • Location:Bologna

Posted 17 January 2019 - 09:16 AM

Mukhallat

Anno: 2008

 

Recensione/impressioni di Laura C.

 

Io provo tutto, anche quando so, come in questo caso, che per dolcezza, non potrebbe mai esser nelle mie corde, ma amo analizzare e chiedermi i perché delle varie sensazioni.
Al momento è il profumo più dolce in assoluto che io abbia mai sentito, penso che prima o poi dovremmo fare una lista dei profumi con il più alto indice glicemico che conosciamo, sarebbe interessante vedere come anche questa percezione, son sicura, differisce fra le persone. Al momento, dicevo, questo è il mio benchmark, quando dico dolce ma non dolcissimo, con il dolcissimo mi riferisco a questo.
Sa di aroma alla fragola, no correggo, fragolina di bosco, non me ne vogliano gli amanti del suddetto profumo ma credo sia oggettivamente poco naturale, più un “aroma di” piuttosto che vera fragolina, anche nel mondo delle candele io ho amato alcune fragranze fruttate che erano palesemente sintetiche, artificiale come aroma, questo non me le ha fatte amare di meno, pur onestamente ammettendo che non era un odore naturale al massimo, non vuol dire sia da scartare, semplicemente può piacere anche questo lato artificiale, una caramella alla fragola non sa di fragola ma di aroma alla fragola e non per questo è cattiva.
Quindi si ama anche la sfumatura stessa che lo rende tale, talvolta è persino voluta. Vaniglia indubbiamente c’è, mentre fatico a trovare la mandorla ma forse ci sono, non è immediato percepirla, almeno su di me.
Ora che ho imparato a riconoscere il Tolu lo identifico immediatamente, con molta soddisfazione, trovo che aggiungere del Tolu ad un profumo del genere sia un colpo da maestro, diciamolo, normalmente va in abbinamento all’oud, tanto che tempo fa credevo ci fossero oud con sfaccettature diverse, finché non ho capito che una di queste, quella più gasolinica, era invece opera del Tolu, con quel sentore da gasolio-olio motore che appunto si sposa bene con la legnosità dell’oud.
Qui l’effetto con il dolce è incredibile e particolare, quasi irriconoscibile ma parecchio parecchio interessante. Ecco che la mia personale follia di provare profumi che so a priori che non mi piacciono, proprio qui, assume un senso, non si finisce mai di imparare e stupirsi e questo profumo al di là della stucchevole dolcezza non è banale come sembra e se ne può ammirare la scelta stilistico olfattiva, a mio avviso di tutto rispetto, fornisce carattere al profumo e lo orientalizza, donando anche un quasi impercettibile effetto balsamico.
Al dd avanzato non è più così dolce, sempre molto dolce ma un po’ meno. Alla fine si è rivelata una prova istruttiva. Va rimarcato che questo profumo ha parecchi estimatori, non solo femminili, se il dolce non vi spaventa, provatelo, sa praticamente di big babol, se fosse esistita, alla fragolina di bosco. Buona intensità ma persistenza molto inferiore alla media dei Montale.

 

Recensione/impressioni di Lady in Black

 

Gourmand e giocoso sia in apertura sia nel cuore, con tanto sciroppo di fragoline di bosco versato su un gelato alla vaniglia, diventa un filo più serio nel drydown con muschio e note legnose leggerissime. Un profumo che sa di pomeriggi d'estate e che mette allegria - oggi me lo sono prorio goduto.



#37 Laura C.

Laura C.

    AdJ N.P. Addicted

  • Collaboratore AdJ
  • PipPip
  • 746 posts
  • Gender:Female
  • Location:Bologna

Posted 05 February 2019 - 10:17 AM

Aoud Greedy

Anno: 2013

 

Recensione/impressioni di Laura C.

 

Gourmand non molto dolce, la liquirizia si sente ma ovviamente non è un solinota, patch, ambra e muschio, un poco di vetiver. Resta morbido, luminoso, con note verdi terrose del patch, infatti non è proprio riconoscibile immediatamente. Non è un gourmand inteso come “da pasticceria o dolci”, non viene in mente nessuna associazione al cibo, la liquirizia non è amara, è nella sua veste radiciosa e terrosa, riportata al mondo vegetale. L’accordo ambrato lo rende soft, resta comunque una connotazione un po’ maschile, non troppo, comunque. In tutto ciò non ho menzionato l’oud, si sente molto poco, secondo me i nomi rispondono più ad esigenze di marketing che non all’effettivo contenuto. Non credo però che lo consiglierei a chi cerca un profumo alla liquirizia, o comunque spiegherei bene che non si intende liquirizia classica ma vegetale, sembra oltretutto che ci sia una nota di pelle anche se non c’è, si ha la sensazione di un pellame morbido.



#38 Laura C.

Laura C.

    AdJ N.P. Addicted

  • Collaboratore AdJ
  • PipPip
  • 746 posts
  • Gender:Female
  • Location:Bologna

Posted 05 February 2019 - 03:57 PM

Aoud Velvet

Anno: 2006

Recensione/Impressioni di CRISTIAN

Da prima impressione mi ricorda dark rose di Czech, almeno dalle note di testa!
Persistente e particolare, il colore è il viola/bordeaux.
Note metalliche, sensazione di prodotto sottovuoto!



#39 Laura C.

Laura C.

    AdJ N.P. Addicted

  • Collaboratore AdJ
  • PipPip
  • 746 posts
  • Gender:Female
  • Location:Bologna

Posted 05 February 2019 - 04:18 PM

Full Incense

 

Recensione/Impressioni di CRISTIAN

 

Potrebbe esserci della menta? Perchè sulla mia pelle, in apertura, lo definirei un incenso ad effetto mentolato, sensazione di metallo freddo che amplia l'effetto "freddo" che un incenso ha già di suo, sensazione di mentolo che ti ghiaccia la punta del naso.
Secondo me rimane una versione molto interessante, niente chiese, niente messe, niente funerali, cioè le versioni che io faccio un po' più fatica a portare.
Un fondo verde scuro gli aggiunge profondità.
La punta del profumo rimane sempre molto fredda, anche durante il tempo.
Questo incenso di Montale lo trovo un giusto compromesso, trovo sia la versione giusta di un incenso in profumo per il corpo, soprattutto per quelli come me che, quello "classico", quello nudo diciamo, lo preferiscono disperso nell'aria.
Qualche piccolo sprazzo di qualcosa di più fruttato/dolce ogni tanto si vede, ma è per poco e poche volte.



#40 Laura C.

Laura C.

    AdJ N.P. Addicted

  • Collaboratore AdJ
  • PipPip
  • 746 posts
  • Gender:Female
  • Location:Bologna

Posted 05 February 2019 - 04:21 PM

Wood and Spices

 

Recensione/Impressioni di saraprfms

 

Si, si sentono le spezie (leggo cardamomo, pimento) e si sente pure il sandalo anche se soffocato, ma l'apertura di questo profumo la sento troppo francese old-stile, troppo superata....credo anche di avere un ricordo molto lontano di una fragranza simile a questa, magari l'avrò sentita su un signore ben vestito di mezza età? Si, potrebbe anche essere...
Dopo pochi minuti tutto diventa dolciastro, stanca velocemente, una nota tanto stucchevole e appiccicosa per me che non riuscirei mai a portare






0 user(s) are reading this topic

0 members, 0 guests, 0 anonymous users