Jump to content


Photo

Le VOSTRE recensioni!


  • Please log in to reply
17 replies to this topic

#1 CRISTIAN

CRISTIAN

    Administrator

  • amministratore
  • PipPipPipPip
  • 26,713 posts
  • Gender:Male

Posted 22 October 2008 - 03:49 PM

Lasciate qui dentro le vostre recensioni !!!!!


Anche se sono di profumi giÓ recensiti! ci piace il confronto tra sensazioni diverse!

Provvederemo noi a smistarle nei vari topic specifici delle varie marche..

dai su fatevi avanti!!

Non Ŕ' necessario essere dei poeti per fare una recensione, io per prima non sono brava..

Qua siamo tutti amatori, e non professionisti! (anche se alcuni sono davvero esperti!)

Basta chiudere gli occhi e lasciare per qualche secondo che la mente si concentri sul quel profumo.. e poi lascaire che le dita scrivano quello che viene in mente, di getto, senza tanti giri di parole, qua non si deve impressionare nessuno con la scrittura!!

Qua si vuole solo scambiarsi opinioni sui profumi acquistati, ma se siamo solo io ed adjumi a recensire che scambio Ŕ??

;-P

#2 ROBERTO

ROBERTO

    Nuovo utente AdJ N.P

  • Amici di Adjiumi
  • Pip
  • 82 posts
  • Gender:Male
  • Location:francia

Posted 26 May 2015 - 04:23 PM

Musc Tonkin by Parfum d'Empire ** Muscs Koublaï Khan by Serge Lutens ** L'Absolue pour le Soir by Francis Kurkdjian

 

Odore di bestie e di dolci.

O quando per non spaventare il cliente si addolcisse il tutto :) 

 

Accanto al Musc Tonkin di Parfum d'Empire, il MKK è un dolcetto che si compra al Luna Park. Il M. Tonkin è aspro, fiorito, e leggermente *old school*. L'inizio si vuole molto animale però si calma, diventando pelliccia per la donna e androginia pelosa per l'uomo :icon1:  . Per paragonarlo al MKK di Lutens c'è da precisare che si tratta della "nuova versione" perchè le sue ultimi riformulazioni l'hanno reso ancora più dolce e quasi "gourmand" per me. S'inizia con un muschio acido, animale ed un fieno un po' sporco, ma voilà che questo muschio si trasforma in un muschio bianco, rotondo, cremoso e fiorito (rosa).  

Mentre L'Absolue pour le Soir inizia con un odore di pipi, di bestia, di sudore ma viene rapidamente affondato in una vaniglia caramelizata al caffè. A me dispiace che vada in questa direzione, però è una questione di gusti. Non tanta coraggiosa di quello che pretende, ma ne rimane una creazione molto interessante.

 

Di questi tre non saprei scegliere quello che preferisco, ma riconosco in loro delle creazioni marcanti. Direi che il Musc Tonkin è quello più sincero tra il titolo, l'odore, e la "signature" del marchio. Il muschio tonkino viene interpretato a modo loro, non si tradiscono.

MKK di Lutens è di 1998 e avrei voluto essere presente per vedere certe "madames Parisiennes" scoprirlo. Purtroppo è stato rovinato dalle riformulazioni (ho avuto la fortuna di annusare la prima versione e senza dubbi posso dire che non c'entra). Mi permetto di aggiungere che a questo punto vale meglio la pena di fermare la produzione di un profumo senza farci credere che è lo stesso.

Poi c'è L'Absolue Pour Le Soir del elegante signore Kurkdjian. Sono perplesso davanti a questo profumo. Non capisco perchè inizia così violentamente per finire così gentilmente  :huh: Mi piacciano i profumi che cambiano nelle ore, ma quando approfondiscono la storia senza raccontarne un'altra o delle altre. Ho l'impressione che è mancato il coraggio per assumere un profumo animale E elegante. Qui l'animale vive in un loft, mangia cupcakes e va dalla "toiletteuse" ogni mercoledì pomeriggio. 



#3 momo57

momo57

    AdJ N.P. Addicted

  • Amici di Adjiumi
  • PipPip
  • 351 posts
  • Gender:Female

Posted 28 May 2015 - 11:32 AM

Oggi sto indossando, da sample, Giardino Segreto, una delle fragranze di Roberto Dario, lui stesso mi ha inviato i samples delle sue fragranze storiche , in più ha messo un sample di questa fragranza nuovissima: il nome è azzeccatissimo, appena applicato sul dorso della mano ho annusato e la prima impressione è stata proprio quella di aprire una porta che dà su un giardino strapieno di fiori profumatissimi…..ce n'è uno che prevale sugli altri e che dà freschezza a tutto ciò che lo circonda….è come se sovrastasse gli altri fiori e soffiasse il suo profumo su di essi….è il gelsomino. Nel giardino c'è anche un laghetto….si avvertono note acquatiche….Se dovessi abbinare un colore a questo profumo direi subito VERDE… è un profumo bellissimo, da "respirare" più che da annusare, è l'essenza della primavera,del risveglio….lo definirei un profumo "bucolico"…Bello davvero!



#4 Glifi

Glifi

    ADJNP addicted

  • Amici di Adjiumi
  • PipPipPipPip
  • 1,795 posts
  • Gender:Male

Posted 13 September 2016 - 01:11 PM

:icon1: Chris...sempre carino!

 

Vitrum-G.Sammarco.Questo ho potuto studiarmelo bene.Vetiver .Ho volutamente resistito alla tentazione di andarmi a leggere la piramide,un po' perché mi toglie il divertimento e un po' per il fatto che "delabirintizza" la nostra passione.

 

All'inizio si sente un Vetiver fresco,molto luminoso:questo fa pensare a un qualche agrume aggiunto ma in modo delicato.Successivamente la fragranza si sposta un poco su un terreno leggermente fumoso che mi ha rimandato a cose come

French Lover  di Malle e Persona di La via del Profumo:Incenso presente quindi.Alla fine si sente un effetto morbido ed un po' bagnato simile a quello del vecchio Vetiver de L'Artisan:Muschio di Quercia.

 

Le note sono quelle,ma ciò che fa la differenza tra un profumo normale ed un capolavoro (oltre alla qualità delle materie prime e qui penso che abbiano usato il meglio) sono le proporzioni:da amante di profumi al Vetiver,ero agevolato nel sospettare la presenza di questa o quell'altra cosa,ma credetemi,il mix di Sammarco è esemplare per gli equilibri ottenuti.

Ed il nome lo trovo azzeccato,perché Vitrum,ha qualcosa di freddo e trasparente.

Come qualità e originalità,mi fa pensare al Turtle Vetiver,ma il risultato qui è diverso.Soggiogante e assuefacente per i "vetiveromani" come me.Gli Adoni non resistono più di cinque minuti senza guardarsi in uno specchio (o qualsiasi altra superfice riflettente a portata di mano:tavoli di formica,pozzanghere...) qui non si resiste un minuto senza annusarsi il polso.

Diverso,originale.

Preso!


Vi Veri Veniversum Vivus Vici

#5 momo57

momo57

    AdJ N.P. Addicted

  • Amici di Adjiumi
  • PipPip
  • 351 posts
  • Gender:Female

Posted 01 October 2016 - 12:55 PM

Salve a tutti, oggi vi voglio parlare dei profumi di Marzia Valli, una creatrice di profumi in cui mi sono imbattuta leggendo il blog Rossetto e Merletto: mi ha incuriosito molto la sua storia e il modo che ha di creare profumi. La linea si chiama Memento e si compone di cinque fragranze che si ispirano ad altrettanti stati d'animo.           

SUAVITER ( arancia cannella e vaniglia) è un gourmand bellissimo, il profumo del Natale, caldo coccoloso confortevole; il profumo dei dolci che si mescola con il profumo delle persone raccolte intorno ad un tavolo in un giorno di festa. Bello!                                                                                                                                       

AMANTER ( bergamotto mandarino rosa geranio chiodi di garofano cumarina) é una fragranza cipriata, poudré, che rimanda ai profumi di una volta: delicato ma presente, lascia attorno a chi lo indossa un alone di tenerezza, ti piace annusare l'aria che sposti quando ti muovi…                                                                        

INTEGRE ( vaniglia pepe bianco legno di cedro patchouly) ricorda le colonie di una volta, quelle tipiche dell'Istitut Tres Bien per capirci: qui si alternano le note legnose, le resine, un accenno di note marine, ma poi diventa dolce e il patchouly che resta è morbidissimo!                                                                                

ARDENTER (lavanda geranio legno di cedro legno di sandalo) un fougere meraviglioso che sa di pulito, l'odore delle lenzuola stese al sole ad asciugare; all'inizio un po' amaro poi diventa un cipriato morbidissimo ammorbidito da sandalo e lavanda.                                                                                                                      

HILARE ( lime pepe bianco legno di cedro limetta e rosa) questo sulla mia pelle diventa una coccola delicata, ricorda la pelle dei neonati dopo il bagnetto; veramente bello, dolce ma al tempo stesso fresco allegro come dice il nome, ed elegante!                                                                                                            

Non è facile tradurre in parole le sensazioni che ci suscita un profumo, ed io non sono brava come altre persone che lo fanno egregiamente qui sul forum e su Fb, però ci ho provato e spero di essermi spiegata abbastanza; a me son piaciuti tutti, i miei preferiti sono Suaviter  Ardenter ed Hilare… Se vi capita provateli Marzia lavora molto bene, vale veramente la pena sentirli, per non parlare poi del fazzolettino di seta all'interno della confezione con il suo nome ricamato che lei usa per spruzzare la fragranza al posto delle mouillettes. Per me è SI!



#6 Roby73

Roby73

    ADJNP addicted

  • Amici di Adjiumi
  • PipPipPipPip
  • 1,763 posts
  • Gender:Male
  • Location:San Benedetto del Tronto

Posted 06 October 2016 - 10:21 PM

Non so se questa è la sezione giusta, comunque vorrei esprimere le mie sintetiche impressioni sul kit Tiziana Terenzi che ho appena girato a chi mi succede in lista.

Leggenda: * non mi ha entusiasmato; ** davvero carino; interessante; *** Bellissimo, da avere

Laudano Nero *: Avverto troppo forte la nota di cognac. Quasi copre tutto il resto. Avrei preferito più tabacco. 

Fragranza al Contrario **: molto carino. bellissima orchidea bianca con sfumature rosse. Soffice e dolce. Somiglia, nel cuore, a Maremma, di cui parlerò dopo. Questo è forse più polveroso e tenero.

Gold Rose Oud ***: Per me una delle migliori combo rosa e oud. La fragranza è molto potente. La rosa è protagonista in apertura, poi viene fuoril'oud. Resta comunque fresco ed elegante. Come fragranza la vedo più rivolta ad un pubblico femminile. Una donna che vuole apparire, farsi notare e non ha paura dei giudizi degli altri, ma va avanti per la sua strada.

Ecstasy *: Incenso elegante e garbato. Forse un po troppo già sentito e classico.

Kirkè **: Bella esplosione di emozioni. Tanta frutta in apertura (pesca, ribes, ecc.)e mughetto.

XIX March *: Nulla di interessante. Un sandalo leggermente lavandoso che non mi ha detto niente.

Lillipur ***: La cannella è la vera protagonista, accompagnata da incenso e resine.Da effettivamente l'idea del misticismo, dell'incontro con la spiritualità. Misterioso e dark. Nel cuore è favoloso, quando viene fuori un bel cuoio.

Arethusa *: Nulla da dichiarare; nessuna emozione neanche qui.Fruttino intenso, ma poco originale.

White Fire **: Belle emozioni: gradevolissima combo ambra-muschio-gelsomino. Fresco e caldo insieme. Femminile, per me, e molto sensuale.

Maremma ***: Il mio preferito, insieme al Lillipur; nella partenza sembra quasi un MCG, per lo stile e i sentori; profumi forti in partenza con note di frutta rosso scuro tipo frutti rosso. Sembra di essere al fresco all'interno di un bosco in una bella e soleggiata giornata di autunno.



#7 ROBERTO

ROBERTO

    Nuovo utente AdJ N.P

  • Amici di Adjiumi
  • Pip
  • 82 posts
  • Gender:Male
  • Location:francia

Posted 31 January 2017 - 10:34 AM

Helmut Lang Parfum in versione extrait.

 

Un profumo che crea una dipendenza strana, tra eliotropo fungoso e fiorito ed una vaniglia legnosa. Il tutto in una muffa di patchouli grassotto che lascia percepire un sandalo in fondo.



#8 Laura C.

Laura C.

    Nuovo utente AdJ N.P

  • Amici di Adjiumi
  • Pip
  • 24 posts
  • Gender:Female
  • Location:Bologna

Posted 04 May 2018 - 06:19 PM

Oud Cashmere Mood - MFK Kurkdjian
Procedo a ritroso in ordine di difficoltà decrescente: essendo leggermente più rotondo e più smooth come finale, credo ad opera della vaniglia, questo risulta meno respingente rispetto al velvet. Ma anche questa è una fragranza per pochi, secondo me. Anche qui il nome, cashmere non ha nulla a che fare con quello che uno si aspetterebbe da una fragranza con un nome simile. Credo siano benzoino in particolare ma anche il labdano a renderlo più gradevole. Ma è un oud intenso e sostanzialmente sa di gasolio e olio motore, cosa che comunque è un passo avanti verso la gradevolezza generale, perché abbiamo abbandonato con il Velvet il reparto pneumatici. Dal momento che il mio naso non è ancora abituato a trovar gradevoli questi odori estremi, posso solo raccontare che non sento nessun legno, tutte le altre note fanno quello che possono, ma resta un odore da officina, nessuna nota balsamica, ho letto di un parallelismo con il tè lapsang souchoung, in effetti vagamente un po’ a fine dd potrebbe ricordarlo, d’altronde è pure lui un tè molto faticoso da apprezzare, non per tutti. Verso la fine comunque assume maggiormente toni leggermente affumicati e sparisce la parte petrolifera, se fosse stato tutto così avrei anche potuto amarlo.



#9 CRISTIAN

CRISTIAN

    Administrator

  • amministratore
  • PipPipPipPip
  • 26,713 posts
  • Gender:Male

Posted 07 May 2018 - 08:46 AM

grazie



#10 Laura C.

Laura C.

    Nuovo utente AdJ N.P

  • Amici di Adjiumi
  • Pip
  • 24 posts
  • Gender:Female
  • Location:Bologna

Posted 27 May 2018 - 03:24 PM

Vero profumo

 

Rozy EDP Vs Voile d'Extract

 

La nota più citrica del frutto della passione bilancia la composizione rendendolo estremamente piacevole con note dolci e fruttate, assieme alla pesca, facendo da contaltare alla rosa, che viene ammansita ulteriormente da lillà e giacinto, non c'e' tuberosa nell'EDP a contrario del Voile, saldalo, leggere note poudrè, un fiorito fruttato lumino es estremamente piacevole, ma che non riesce a rimanermi impresso nettamente in memoria, resta archiviato appunto come rosa-fruttata.

Nel Voile la rosa, su di me risulta totalmente inghiottita dalla tube, che addizionalta al miele e vaniglia, rende il tutto molto, molto dolce, al di là del solo stucchevole, le altre note: verdi, speziate, labdanum, sandalo, styrax, nulla di tutto ciò emerge e non riesce a portare equilibrio e a fornire il bilanciamento necessario, la tube è a briglia sciolta e domina incontrastata e selvaggia, esacerbantemente e infinitamente dolce.



#11 Laura C.

Laura C.

    Nuovo utente AdJ N.P

  • Amici di Adjiumi
  • Pip
  • 24 posts
  • Gender:Female
  • Location:Bologna

Posted 27 May 2018 - 03:31 PM

Jovoy - Ambre Premier

 

Del 2011 (Michelle Saramitot). Uno scrigno di ambra, nel senso letterale del termine. Molto vintage. Il patch si sente dominante, la vaniglia ne smussa le asperità e gli angoli, ma non si percepisce nè rende la fragranza dolce. odore di piccolo scrigno chiuso contenente ambra, ha quel sentore da cassetto non aperto da tempo, amuleto antico e preziosamente, gelosamente custodito, assieme a petali di rosa. Un pepe leggerissimo fornisce una leggerissima vivacità al tutto.



#12 Laura C.

Laura C.

    Nuovo utente AdJ N.P

  • Amici di Adjiumi
  • Pip
  • 24 posts
  • Gender:Female
  • Location:Bologna

Posted 08 June 2018 - 03:01 PM

Indian Wood - PG 11.1 Parfumerie Generale

 

Uscito nel 2016. Sandalo, vetiver e oakmoss in apertura, lo configurano subito come una di quelle acque di Colonia maschili un po’ retrò, qualcosa che avrebbe potuto portare mio padre (che fra l’altro, ha sempre vissuto di profumi regalati), negli anni ‘80, la menta viene fuori leggermente solo in un secondo tempo, scorza di limone non nettamente percettibile, noce moscata e cardamomo pian piano ne aumentano un poco la complessità ma restano parecchio in background, si sentono leggermente anche le note lattee e cremose anche se il cocco non resta per nulla avvertibile, quindi man mano perde un poco di quella connotazione da colonia maschile, ma resta una sorta di nota canforata di dopobarba vintage che non si perde nel dd.
Il sito riporta anche pimento, legno di cedro, fiori di gelsomino essiccati (? Boh), e fir balsam, che probabilmente è quel che lego all’odore di dopobarba.
Mi pare avere anche minore persistenza della media dei PG (che non è già alta)
È gradevole ma senza una chiara e decisa personalità, forse un po’ commerciale inteso come meno particolare, sempre in riferimento alla media, una di quelle fragranze che se non mi fossi appuntata qualcosa avrei già totalmente dimenticato.



#13 Laura C.

Laura C.

    Nuovo utente AdJ N.P

  • Amici di Adjiumi
  • Pip
  • 24 posts
  • Gender:Female
  • Location:Bologna

Posted 08 June 2018 - 08:00 PM

Caterina - Allegro Parfums

 

Uscito 2018 (Arturetto Landi). Ed ero tutta contenta di aver recuperato questo samplino (profumo arrivato da poco al Sacro Cuore) e di potervelo raccontare. Giuseppe Allegro ha dedicato questo profumo a sua madre che faceva la magliaia. Arturetto Landi ha voluto creare una fragranza di sentimenti caldi, materni, che riportasse all’infanzia e alla protezione e conforto materno.
Le note, su Fragrantica al momento non c’è ancora, sono latte e bergamotto in testa, poi Iris, eliotropio, gelsomino, e base: tonka, vetiver, vaniglia, cashmere, ambragrigia, muschio bianco.
E niente, come un vecchio cd graffiato che salta, ho percepito un pochetto del combo latte-bergamotto poi sembrava fisso su quell’inizio e... solita storia, non lo sento, un po’ vago sentore di vaniglia ma il mio naso non lo percepisce, uffa, stanno diventando non pochi i profumi che non riesco a percepire....



#14 Laura C.

Laura C.

    Nuovo utente AdJ N.P

  • Amici di Adjiumi
  • Pip
  • 24 posts
  • Gender:Female
  • Location:Bologna

Posted 13 June 2018 - 07:06 PM

Aoud Safran - Montale

Uscito 2009. Sinceramente fa parte degli errori annusa e compra in profumeria, del periodo pre-sample. I Montale sono profumi diretti, mi ero detta, posso anche non prendere il sample, che scempiaggine. Ora è il mio profumo da trolley, soggiorna direttamente lì, come dicevo tempo fa: io non sgombro, quando sbaglio mi impongo di finirlo e qui non vedo l’ora. Beninteso, non è malvagio ma è una colla: ha una delle maggiori intensità e persistenza tra i Montale che finora ho provato (più del Black Aoud Intense) e ti esaurisce a fine giornata, stanca molto, indossarlo due giorni di fila mi è difficile, tre mi salvo con dei layering, debbo necessariamente spezzarlo. Amo lo zafferano come nota olfattiva, qui è ben presente assieme al combo rosa+Aoud molto simile a quello del Black Aoud Intense, forse c’è un po’ meno Aoud, ma tanta tanta rosa montaliana con quel suo tratto medicinale-ammoniacale, ed è questa il principale problema, essa tende ad essere invasiva ed essendo molto intensa e penetrante a sfinire a lungo andare.
Di norma la mia pelle non trattiene mai un profumo da un giorno all’altro, questo sì, se lo metto anche sui capelli dura esageratamente. Nonostante l’enorme scia non ho mai ricevuto complimenti, è curioso, anzi una volta è stato scambiato per un penetrante deodorante ambienti... ho fatto finta di nulla. Non è molto oudoso come dicevo, è un profumo alla rosa con zafferano, buono alla prima spruzzata ...



#15 Laura C.

Laura C.

    Nuovo utente AdJ N.P

  • Amici di Adjiumi
  • Pip
  • 24 posts
  • Gender:Female
  • Location:Bologna

Posted 13 June 2018 - 07:07 PM

Talc Gourmand - Farmacia SS Annunziata

Le note di testa sono talco, miele e caramello, non c’è la chiara percezione del miele, ma è sicuramente dolce, ma non stucchevole, polverosità del talco, check ed anche il caramello, per quanto la nota più immediata sia il cioccolato, oltre alla vaniglia.
C’è una nota di pulito, quasi alcolica, che io lego all’eliotropina; la vaniglia è presente anche come fiore, che però riconosco meno, le note talcate/polverose non sono così centrali e differiscono più che altro con la pelle, come intensità, io ne ho un po’ ma sul polso maschile in prestito, non ne sento nessuna, questo per precisare che a dispetto del nome, non sa di talco.
Sandalo e tonka, secondo me sono questi + la vaniglia a fornirmi quell’impressione di mandorla, dato che non c’è nelle note, è fusa con la nota di cioccolato stessa, quasi fosse una pralina alle mandorle.
È sicuramente una coccola gourmand, se dicevo che amour de cacao CSP non è dolce, lo ribadisco, perché questo invece è dolce, però riesce a non esser stucchevole o troppo, credo sia merito dell’eliotropina ed anche del sandalo che smorzano un po’ e fanno in modo di modulare il tutto. La tonka si sente molto bene.
Pur essendo un gourmand non rimanda a qualcosa di tangibile, come dolce o pasticceria, è più una suggestione cioccolatosa di calore e rilassamento, non associata ad una particolare preparazione.
Non avverto note di latte, lo segnalo perché è curioso che molti ne parlano come un profumo di vaniglia, di caramello o, alcuni di latte; secondo me se vogliamo incasellarlo è comunque un profumo al cioccolato. Credo che il bello di questa fragranza stia nel perfetto bilanciamento delle note gourmand e non, tanto da renderlo una categoria a sè: il gourmand elegante.



#16 Laura C.

Laura C.

    Nuovo utente AdJ N.P

  • Amici di Adjiumi
  • Pip
  • 24 posts
  • Gender:Female
  • Location:Bologna

Posted 13 June 2018 - 07:11 PM

Rose Profond - AlysonOldoini

Data 2013. È una rosa non pungente, si sente leggermente anche la prugna che addolcisce ed arrotonda ulteriormente.
C’è una nota fresca, direi più fresia che galbano, anche il biancospino rinfresca e primaverizza la rosa, rendendola un po’ più giovane, non mi sembra di sentire l’iris.
È molto morbido, un po’ piacione, no tonka no legni, poco muschio.
È una rosa fresca, leggermente saponosa, la fresia si sente fino a dd avanzato.
Credo comunque che gli amanti della rosa debbano provarla questa fragranza, per quanto non resti impressa in maniera netta, ha comunque un bilanciamento molto gradevole, sono certa che paragoni e similitudini con le fragranze alla rosa della profumeria commerciale vi verrebbero in mente, mentre io deficito di background in questo caso.
Al solito il mio racconto si basa su samplino-fazzolettino strofinato sul polso, quindi più di così non riesco a evincere.



#17 Laura C.

Laura C.

    Nuovo utente AdJ N.P

  • Amici di Adjiumi
  • Pip
  • 24 posts
  • Gender:Female
  • Location:Bologna

Posted 15 June 2018 - 06:00 PM

L’antimatière - Les Nez (Isabelle Doyen)
Per relazionare che la mia anosmia ad alcuni sintetici ed alcuni muschi ha qui colpito alla grande: il nulla assoluto, nemmeno l’odore della mia pelle sono riuscita ad avvertire.
Per prova comparativa ho messo il polso sotto il naso del marito “tu senti qualcosa ?”.
Orbene, il dude, nomen omen, è tipo da grugniti, chiose lapidarie, oppure buono/“mmmhh, nah”, quindi alla sua risposta “ma sì, sa di muschio ma non troppo animale e di quella nota che somiglia ad una pietra liscia (ndt ambragrigia)”, potete immaginate a questo punto la mia faccia basita, non sapevo più se impressionarmi maggiormente dell’odore di vuoto al posto del mio stesso polso o dell’eloquio spropositato del soggetto, che dopo 17 anni di dudeism, capitemi, è cosa quantomeno sconcertante.



#18 Laura C.

Laura C.

    Nuovo utente AdJ N.P

  • Amici di Adjiumi
  • Pip
  • 24 posts
  • Gender:Female
  • Location:Bologna

Posted 15 June 2018 - 06:03 PM

Manoumalia - Les Nez (Sandrine Videault, 2009)
Non ho un metodo specifico, a volte le note le leggo prima di provare un profumo, a volte dopo, dipende. I fioriti non sono esattamente la mia e non adoro l’ylang. Premesso tutto ciò annuso il polso e mi ritrovo in Polinesia, o diciamo nel mio immaginario della Polinesia dato che non ci sono mai stata, wow! Il potere spettacolare che ha questa fragranza di teletrasportarti altrove! Molto equilibrato, è fiorito ma non narcotico, Tiarè e Ylang che gli corre dietro, cremoso, Fragrea o Tembusu, nota non presente in Fragrantica, sono i fiori di quest’albero del sud-est asiatico; non sembrano esserci note citriche ma lo trovo arioso, vivo, sandalo q.b assieme a note legnose a fare da contraltare alla parte fiorita, ambra al posto del sole e vetiver per il vento vegetale-terroso. I fiori risultano quasi spruzzati di salsedine e di per sè è sufficiente a richiamare immagini marine, magnifico, elegante, temo proprio di esserne innamorata, pur essendo un piccolo portale su un’estate perenne trovo si possa indossare anche d’inverno. Nel dd avanzato diventa talcato, come una leggera nebbia floreale che permea l’aria dell’isola. Sembra davvero il profumo di Fantasilandia. Non eccede su note dolci per quanto risulti comunque opulento.






1 user(s) are reading this topic

1 members, 0 guests, 0 anonymous users