Jump to content


Photo

PAPILLON


  • This topic is locked This topic is locked
1 reply to this topic

#1 EzioLove

EzioLove

    ADJNP addicted

  • Staff Adjiumi
  • PipPipPipPip
  • 1,752 posts
  • Gender:Male

Posted 29 June 2017 - 03:54 PM

ANGELIQUE

 

Recensione/impressioni di ROBERTO

 

Lettera aperta ad ANGELIQUE by Papillon. 
 
Gentile Angélique,
Difficile per te trovarti un posto in mezzo a i tuoi fratelli Anubis e Tobacco Rose. Ma non dovresti lottare e invidiarli.
Io ti scelgo quando non voglio entrare nell'amarezza ambiente (ricordo che abito Parigi, città relativamente amara :icon1: ). 
Arrivi con il tuo verde polveroso e acquatico (mimosa), mentre il filo d'incenso metallico (olibano) m'indica subito che qui si tratterà solo di calma e silenzio. Fai giri in mezzo ai legni (cedro) per poi tornarmi profumato e odore di pelle sporca di terra (iris). Come un fumo denso che ha deciso ne di salire, ne di scendere ma di rimane ad altezza d'uomo.
Per non essere troppo grigio e malinconico ogni tanto mi riveli un lato verticale e vivo (osmanthus e fiore di champaca).
 
Viva ANGELIQUE!  :) 


#2 EzioLove

EzioLove

    ADJNP addicted

  • Staff Adjiumi
  • PipPipPipPip
  • 1,752 posts
  • Gender:Male

Posted 15 January 2018 - 11:49 AM

SALOME

 

Recensione/impressioni di ROBERTO

 

Primo spruzzo e mi sembra di indossare un fiorito vintage. Di quei profumi di carattere, opulenti, che si lasciano nella scatola originale per tirarli fuori solo nelle occasioni speciali. Ma sarebbe stato troppo facile per Liz di fermarsi qui. In effetti, il fiorito luminoso dell'inizio si fa gelsomino indolico, animale, sporco. Il chiaro-oscuro mi lascia perplesso. 
Incrocio le dita per vedere arrivare un cuoio sudato e caldo. Ma ancora non ci siamo. Il gelsomino rimane indolico, austero e un po' freddo per i miei gusti. (il fatto di non essere un "gelsomino lover" non aiuta). 
In questa sinfonia felicemente morbosa, l'hyraceum e il castoreum ci fanno entrare nel cuore del soggetto, cioè l'animalità. Ma dove certi profumi si fermano alla facilità di un shock puzzolente, qui l'animalità si vuole sofisticata ed elegante. Niente di volgare, solo un fiato cuoiato. 
Ci sento dello styrax o qualcosa di simile che solleva la fragranza aldilà di un profumo di pelle, "asciugando" quello che sarebbe stato pesante.

 

Un tocco di "Maai" by Bogue, un altro di "Musk Tonkin" by Parfum d'Empire e tutta la creatività di Papillon.

 

Preferisco i profumi più spezzati, più "caldi", più sudati, ma sopratutto il gelsomino è troppo presente per uno che, come me, non lo ama tanto.






0 user(s) are reading this topic

0 members, 0 guests, 0 anonymous users