Jump to content


Photo

NAOMI GOODSIR


  • This topic is locked This topic is locked
4 replies to this topic

#1 CRISTIAN

CRISTIAN

    Administrator

  • amministratore
  • PipPipPipPip
  • 26,188 posts
  • Gender:Male

Posted 12 November 2012 - 08:22 AM

CUIR VELOURS

Recensione/Impressioni di Mary 70

Un cuoiato gentile e femminile, come piacciono a me.
Lavoro elegante e ben calibrato nella scelta delle materie che lo compongono.
Armonioso e con la dovuta morbidezza/sensualità che ci si aspetta da una fragranza di questo tipo.
Con una punta di dolcezza inusuale che personalmente non mi dispiace.
E' carino e lo userò con piacere.

Ma l'emozione è un'altra cosa..
Questo lavoro, a meno che io non abbia ricordi errati, mi riporta senza difficoltà ad altri lavori quali il cuoio di Keiko Mecheri (Cuir Cordoba) o il cuoio di MPG (Cuir Fetiche, che mi pare siasolo un filino meno coccoloso)..forse mi ricorda pure il Cuir de Lancome con meno fiori..

Diciamo che la "mano" c'è. Ora bisogna tirar fuori creatività, voglia di spetimentare e pure un pizzico di ..qualcosa di più.. non guasterebbe.

 

-------------------------------------------------

 

Recensione/Impressioni di Ornella P. (da FB)

 

In CUIR VELOURS la nota cuoio è trattata con incredibile originalità. È un cuoio che sa di antico, ma non fumoso, non profondo, non scuro. È delicatamente dolce, mielato con note muschiate dove si sentono leggeri l'incenso e il tabacco. Il risultato è un equilibrio perfetto, non statico, che si muove ondeggiando sulla pelle. Quasi immediato il mio pensiero va ad un altro grande profumo e scatta la similitudine e la "proporzione": il cuoio sta a Cuir Velours come la lavanda sta a Kiki di Veroprofumo. Due note classiche, usate e talvolta abusate fino alla banalità, diventano l'anima viva e magistralmente originale di due grandi profumi. 
 



#2 CRISTIAN

CRISTIAN

    Administrator

  • amministratore
  • PipPipPipPip
  • 26,188 posts
  • Gender:Male

Posted 12 November 2012 - 08:23 AM

BOIS D'ASCÈSE

Recensione/Impressioni di Mary 70

Non amo l'incenso e, come avevo immaginato (tant'è che non lo volevo prendere alla fine), questo non ha fatto la differenza.
Per cui non mi è piaciuto.
E' un incenso molto puro, molto freddo, molto ecclesiastico.
Non ci sono altre note a dargli un'impronta diversa, come nei lavori di Maria Candida o del bellissimo Olivier.
Qua l'incenso si espande attorno a te e ti trasporta in una chiesa antica, silenzio assoluto attorno, misticismo che si taglia con il coltello..

Di sicuro piacerà agli amanti di questa nota, perchè è un lavoro ben fatto anche questo.
Ma, come per il cuoio, ci manca un qualcosa che lo renda diverso da altre precedenti composizioni, secondo me.

 

-------------------------------------------------

 

Recensione/Impressioni di Ornella P. (da FB)

 

In BOIS D'ASCÈSE non sento i legni, li attraverso. I legni sono i protagonisti, dopo essere toccati da una punta di tabacco e whisky, vivono nella pelle per tutto il giorno avvolti dai toni ambrati che riscaldano il muschio di quercia. Alla sera mi resta la sensazione di aver conosciuto uno spazio magico. 



#3 EzioLove

EzioLove

    Niche Perfumes Addicted

  • Staff Adjiumi
  • PipPipPip
  • 1,208 posts
  • Gender:Male

Posted 05 September 2017 - 11:10 AM

NUIT DE BAKÉLITE

Recensione/Impressioni di Cristian

 

Allontaniamoci da Fracas e dimentichiamoci il verde del Carnal, perchè è vero che pure il nuit è verde, ma non è solo per la tuberosa, ci sono parecchie note verdi presenti in piramide. In testa io sento una vagonata di artemisia e angelica è tanto erbaceo con una bella nota cuoio, al mio naso è più suede. Mi si presenta la tube dal cuore. La persistenza c'è, quello che rimane con il tempo sulla mia pelle è una certa dolcezza dello storace e una tube verde acqua, pulita e lineare come quella dei prada esclusivi fuori produzione! Questo profumo potrebbe mettere in tilt alcuni amanti di tuberosa impazienti e non abituati a qualcosa che si spinge verso la materia prima e non verso contaminazioni dolci e fruttate. Riporto un profumo che in molti conoscono, il Lyric uomo, per parecchi è una rosa maschile, per molti altri è angelica e non sentono minimamente la rosa....

 

-----------------------------------------------------------

 

Recensione/Impressioni di Peter

 

Premessa: non sono un grande amante della tuberosa, perché è un fiore dalla sfacciata prepotenza. La maggior parte delle tuberose che conosco sono poi cremose, burrose o, e penso al Carnal Flower, sebbene partano verdi, il lato burroso alla fine tende ad uscire. Qui no. Qui siamo in presenza di un profumo molto verde, secco, asciutto, discreto, ma con una forte personalità. La tuberosa è come se fosse così sicura della sua bellezza, da non doverla urlare.

 

-----------------------------------------------------------

 

Recensione/Impressioni di Ornella P. (da FB)

 

Definire NUIT DE BAKÉLITE una "tuberosa verde" è davvero riduttivo. È un intreccio, una contaminazione perfetta dei due. Un'immagine. Mi trovo in un campo. Tra le tante erbe spontanee, che si piegano e continuano a vivere sotto i miei passi, crescono fiori profumatissimi, mai visti, che catturano la mia attenzione; quando ne colgo uno, oltre ad inebriarmi del suo profumo, resto affascinata dalla seta delle foglie, dalla legnosita' dello stelo e dalla oscura forma dei semi. È un profumo che mi fa sognare.


#4 EzioLove

EzioLove

    Niche Perfumes Addicted

  • Staff Adjiumi
  • PipPipPip
  • 1,208 posts
  • Gender:Male

Posted 21 November 2017 - 08:17 AM

IRIS CENDRÉ

Recensione/Impressioni di Ornella P. (da FB)

 

IRIS CENDRÉ è polvere liquida profumata di violetta e di fiori. E non solo questo: sento gli agrumi in apertura e poi anche qui incenso e tabacco. Percepisco tutte le note come appena accennate, il risultato è un profumo deciso e persistente nella sua soffice delicatezza dove l'iris crea un cuore pulsante. È un profumo che fa attraversare i secoli senza stancare mai. 



#5 EzioLove

EzioLove

    Niche Perfumes Addicted

  • Staff Adjiumi
  • PipPipPip
  • 1,208 posts
  • Gender:Male

Posted 21 November 2017 - 08:17 AM

OR DU SÉRAIL

Recensione/Impressioni di Ornella P. (da FB)

 

 

OR DU SÉRAIL ovvero quando la dolcezza e la frutta diventano profumo. Abitualmente non amo ne' le note fruttate ne' quelle dolci, qui la sapienza della composizione le rende uniche. Frutta, fiori, miele, tante note dolci, ma anche legni, tabacco e un accennato sentore animale. È una calda coperta che ti avvolge pur lasciando respirare il profumo della tua pelle.






0 user(s) are reading this topic

0 members, 0 guests, 0 anonymous users