Jump to content


Photo

SERGIO SCAGLIETTI


  • This topic is locked This topic is locked
1 reply to this topic

#1 Laura C.

Laura C.

    Niche Perfumes Addicted

  • Collaboratore AdJ
  • PipPipPip
  • 1,269 posts
  • Gender:Female
  • Location:Bologna

Posted 30 July 2019 - 08:56 AM

Racing Yellow

 

 

Recensione/impressioni di Andrea M.

 

Il drastico abbassamento delle temperature, oltre a farmi tirare una sospiro di sollievo (tollero poco il caldo), mi consente di rispolverare un profumo messo in stand-by da qualche mese, Racing Yellow di Sergio Scaglietti.

Dal sito di chi l'ha creato :
Questo profumo è arricchito da note Ozonate che ne accentuano la freschezza tipica di una brezza estiva, dove sentori di Fico foglie e Fico frutti ne fanno da padroni, mentre le note di Vaniglia dei Caraibi e Mirra creano la base della dolce pastafrolla.

Ora, benché come si possa intuire dalla descrizione, la fragranza sia stata creata pensando ai pomeriggi estivi addolciti dal profumo di crostata ai fichi (ricordo d'infanzia che ha ispirato il profumiere) indosso al sottoscritto il calore, il dolce non invasivo e il finale leggermente speziato, ispirano invece l'abbraccio caldo di una tisana in un pomeriggio autunnale. Motivo per cui mi piace indossarlo più con le basse temperature che non col caldo.



#2 Laura C.

Laura C.

    Niche Perfumes Addicted

  • Collaboratore AdJ
  • PipPipPip
  • 1,269 posts
  • Gender:Female
  • Location:Bologna

Posted 30 July 2019 - 04:39 PM

Racing Green
2017. Simone Scaglietti.

 

Recensione/impressioni di Laura C.

Rosa/lavanda è un binomio che non avevo ancora esplorato, luminosità media, è una fragranza calda, l’ambra è evidente come calore, oltre che come tono ambrato generale. Si sente bene il pepe, una rosa ambrata e pepata con qualche petalo ibridato con la lavanda. Nè la rosa, nè il pepe, risultano pungenti: è una rosa morbida ma non saponosa, la deriva bagnoschiumosa assieme alla lavanda è stata totalmente evitata, essa rincorre la rosa, ma senza riuscire a starle alla pari. Molto lentamente il gelsomino arriva e supera la lavanda, sembra la cronaca di una corsa, in cui si sa già che la rosa è la favorita ed arriverà prima. Il gelsomino si intreccia con la lavanda, assumendo una nuance lavandosa e pulita. Sandalo e cannella sul fondo, il pepe resta presente, un leggero balsamico arriva dalla mirra, in stadio avanzato. Una rosa unisex, speziata, ambrata, un pret a porter che trovo ben fatto, gradevole, caldo, la vaniglia diventa più visibile a dd inoltrato ed anche la cannella prende più vigore, l’equilibrio muta, il gelsomino raggiunge la rosa in un testa a testa imprevisto, vediamo su di voi chi vince. Un’evoluzione notevole ma anche divertente, nasce come rosa-lavanda e finisce come rosa-gelsomino o gelsomino-rosa.






0 user(s) are reading this topic

0 members, 0 guests, 0 anonymous users