Jump to content


Photo

PARFUMS HISTORIQUES Maitre Parfumeur et Gantier


  • This topic is locked This topic is locked
1 reply to this topic

#1 CRISTIAN

CRISTIAN

    Administrator

  • amministratore
  • PipPipPipPip
  • 27,166 posts
  • Gender:Male

Posted 13 November 2008 - 09:27 PM

LINEA DISCONTINUATA

 

George Sand


E' molto bella la storia di questa signora, e si, non facciamoci "fregare" dal nome, George Sand, in realtà, si chiamava Amandine Aurore Lucile Dupin, baronessa Dudevant....

tratto da Wikipedia

La Dupin cambia il suo pseudonimo in George Sand, e lo userà per sempre nelle opere successive, che scriverà da sola. Adottato questo pseudonimo maschile, comincia a dissimulare le sue fattezze femminili con abiti maschili. Questo le permette di circolare più liberamente per Parigi, fumando la pipa, e di accedere a luoghi in cui a una donna del suo rango è vietato l'ingresso.

Profumo pieno di storia, particolare, di quei tempi conserva anche la sensazione di poco pulito, mi fa pensare ad una cosa apparentemente bella ma con un cuore un po' più sporco, tipo le damigelle di francia, bellissime, ben pettinate e con grandi vestitoni, ma con una scarsa pulizia.
Il "tetto" di questo profumo e davvero molto piacevole, sembra che tutto il buono e il pulito sia finito li, quasi a coprire qualcosa di sporco che è meglio non vedere.....e torniamo sempre allo stesso discorso, e torniamo al discorso di "coprire" qualcosa che non si deve vedere, come faceva lei, nei panni di un uomo.
Un profumo "lesbico", uno scontro tra una sensibilità femminile e una ruvidità tipicamente maschile, insomma tutto torna, una donna dentro il corpo di un uomo, lo puoi scoprire solo dagli occhi, dalla dolcezza di uno sguardo.

200px-George_sand2.jpg

Buona la persistenza, i colori sono quelli di una Parigi di notte, con i lampioni accesi, la strada bagnata, una di quelle piene di ciottoli e una carrozza che passa, un patch davvero piacevole e forse un po' diverso.



#2 CRISTIAN

CRISTIAN

    Administrator

  • amministratore
  • PipPipPipPip
  • 27,166 posts
  • Gender:Male

Posted 22 January 2009 - 11:57 PM

La Reine Margot

Margherita di Valois, soprannominata la regina Margot, tramite il suo matrimonio con il re Enrico III di Navarra (il futuro re di Francia Enrico IV), divenne prima regina di Navarra e poi di Francia.

A parte il rappresentare la donna, la sua storia, questo profumo prende spunto da una ricerca storica, si è trovato, in alcuni archivi, l'acquisto di grosse quantità di gelsomino, ambra e muschio, questo vuol dire che, probabilmente, la regina Margot, creava una sorta di unguento per la pelle.


Questo profumo mi riporta al carnevale, alle parrucche, parrucconi, a quei vestiti da damina.
Vi è mai capitato di avere tra le mani una maschera di carnevale? di quelle molli, di plastica, silicone, o qualche materiale simile, solitamente sono riproduzioni di facce di mostri..le avete mai annusate? oppure, le avete mai indossate?
A me è capitato, ricordo che mi entrava nella bocca, un sapore di "maschera", un misto di amarognolo, plastica e coloranti, soprattutto dopo qualche ora che la indossavo.

Trovo estremamente interessante questo giovane gelsomino, persistente, un fiore con una grande storia passata, fama, successi, ma che ha deciso di spogliarsi delle cose più preziose e luccicanti e di circondarsi solo di affetti.
E' un gelsomino nella villa di campagna, lontano dalle feste e dal clamore, anzi lo definirei un gelsomino da stagno un po' acquatico.....non credo esista però, sarà merito dell'ambra?

Faccio fatica a sentire altre parti della piramide, o almeno, altre parti predominanti. faccio fatica a sentire bene l'ambra, sento però del verde, pare un muschio estremamente neutro, ne' troppo pulito ne' troppo sporco.

Con il passare del tempo, molto tempo, diventa un po' più caldo.




0 user(s) are reading this topic

0 members, 0 guests, 0 anonymous users